Cresce l’Export verso Seul delle Scarpe Made in Italy

22
mag
Cresce l’Export verso Seul delle Scarpe Made in Italy
Cresce l’Export verso Seul delle Scarpe Made in Italy
  • Fabio Ippoliti
  • 266 Views
  • 0 Comment
  • eventi . export . fashion .

Il settore calzaturiero made in Italy continua a puntare con decisione sull’export e arrivano segnali positivi da un mercato importante come quello della Corea del Sud, dove si è tenuto a Febbraio il Shoes From Italy a Seoul organizzato dalla Assocalzaturifici . Molto positivo il risultato finale, difatti grazie a questa attività promozionale si è riusciti a consolidare la presenza del Made in Italy a Seul e i Buyer Coreani hanno dimostrato di apprezzare sempre più i nostri prodotti.

La Corea del Sud nel settore “Scarpe “ si attesta al terzo posto per valore in tutta l’area  asiatica, dopo Giappone, Cina. Soprattutto grazie all’azzeramento dei dazi di importazione di calzature e beni di lusso. la Corea del Sud per le aziende calzaturifici rimane probabilmente il maggiori mercato asiatico di riferimento per un prossimo futuro. D’altronde basta vedere i dati : Nei primi nove mesi del 2013, il prezzo medio di vendita si attesta su 82 euro al paio (10% rispetto ai primi nove mesi del 2012). A ciò si aggiunge che le esportazioni italiane di calzature verso la Corea del Sud hanno raggiunto la quota di 786.960 paia, per un valore di circa 64 milioni di euro, segnando un aumento del 3,7% in quantità e del 12% in valore rispetto allo stesso periodo del 2012. Anche in questo caso, il confronto con i livelli pre-crisi è positivo: le esportazioni registrano un aumento del 34,7% in quantità e del 51,3% in valore. I dati, inoltre confermano un trend positivo anche per il Shoes From Italy a Seoul, alla sua quarta edizione, che ha registrato un aumento del 17% di presenze rispetto alle scorsa edizione, segno che la rassegna sta crescendo e si sta strutturando. L’appuntamento è stato ideato per fornire ai buyers coreani un panorama sulla filiera collegata con la moda italiana il più ampio possibile con 110 imprese partecipanti (di cui 40 del settore calzaturiere) che hanno messo in mostra l’eccellenza della produzione calzaturiera italiana.
Noi della IPF seguiremo con interesse la crescita di questo appuntamento annuale e sicuramente ci adopereremo per essere presenti da protagonisti fin dalla prossima edizione .